IL SANTUARIO DI RIVOTORTO

Chiesa del Sacro Tugurio dove dimorò San Francesco
Chiesa del Sacro Tugurio

Alle pendici del monte Subasio, ad appena 2 km da Assisi, dal nome del ruscello che vi scorre, sorge Rivotorto, paesino famoso per la chiesa di S. Maria. Il santuario del XV secolo, fu ampliato nel XVII secolo e nel XIX secolo (in seguito al terremoto del 1854, che lo distrusse quasi completamente) ed è in stile neogotico. La grande chiesa conserva al suo interno il Sacro Tugurio, che si dice sia stata una delle prime “dimore” di san Francesco. Sulla facciata, gli stemmi della Basilica di S. Francesco (da cui il santuario dipende) e sopra il portale, le parole “hic primordia Fratrum Minorum” (qui gli inizi dei Frati Minori), che ricorda la tradizione secondo la quale il santo avrebbe redatto la prima stesura della Regola. All’interno si trovano anche delle tele del pittore orvietano Cesare Sermei (XVII secolo). Accanto alla chiesa sorge un convento con un ampio chiostro.

IL SACRO TUGURIO DI SAN FRANCESCO

 

Il Sacro Tugurio
Il Sacro Tugurio dove dimorò San Francesco di Assisi

L’edificio in pietrame a vista molto basso, lungo circa nove metri e largo sei che si trova all’interno della Chiesa, è il luogo dove San Francesco visse con i primi frati. A quel tempo il Tugurio era più piccolo e più povero: il tetto era di rami e frasche che fungevano da travi e non c’erano le tegole. Due soli erano gli ambienti, stretti ed angusti: a destra una piccola stanza denominata del “letto di San Francesco” dove attualmente una statua lo sta a ricordare; a sinistra la “stanza della cucina o del fuoco”.

Il Sacro Tugurio, per circa tre anni (1208-1210), ha visto muovere i primi passi di una nuova e originale forma di vita comunitaria che si ispirava alla primitiva comunità apostolica attorno a Gesù. Solo verso il 1210-1211 Francesco e i suoi compagni, con il tempo cresciuti di numero, lo abbandonarono per trasferirsi presso la chiesa della Porziuncola ricevuta in uso dai Benedettini del Monte Subasio. L’attuale forma del Tugurio risale al 1455 quando Fra Francesco Saccardo ottenne dal Vicario Generale del Vescovo di Assisi che fosse costruita una Cappella con un altare per la celebrazione della Messa. Così la forma e l’aspetto del Tugurio primitivo subirono diverse trasformazioni. Finalmente nel 1926, settimo centenario della morte di San Francesco, con un intelligente lavoro di restauro, furono eliminate le costruzioni sovrapposte e le alterazioni appartate nei vari secoli, e il tugurio fu riportato alla primitiva semplicità.

COSA ASPETTI?

PRENOTA UN SOGGIORNO NEL NOSTRO HOTEL!

Risultati immagini per richiesta disponibilità pulsanti