LA BASILICA DI SAN FRANCESCO D'ASSISI

Capolavoro indiscusso dell’arte italiana e simbolo del Francescanesimo nel mondo, la chiesa, fin dalle origini fu uno dei capisaldi della diffusione del gotico in Italia.  La costruzione della basilica fu avviata nel 1228 da Gregorio IX e consacrata il 25 maggio 1253 da papa Innocenzo IV. La basilica fu posta sotto la diretta dipendenza di papa Innocenzo IV. 

Nel 1230 venne solennemente trasferita la salma di san Francesco e la basilica inferiore subì dei ritardi nella costruzione. Il corpo fu nascosto per evitare che venisse trafugato. Venne ritrovato nel 1818, tumulato in un sarcofago sotto l’altare maggiore. Le spoglie provenivano dalla chiesa di San Giorgio. All’inizio la basilica inferiore doveva coincidere con le attuali campate dalla seconda alla quarta, di forma rettangolare in pianta e di una semplicità vicina al modello francescano. La struttura venne presto modificata secondo linee più maestose, ispirandosi in parte all’architettura romanica lombarda. In seguito quando divenne generale dell’Ordine frate Elia, nel 1232, si decise di edificare due chiese sovrapposte, di misure maggiori, che esaltassero la gloria del santo fondatore e dell’Ordine. Venne aggiunta un’altra campata verso est, il transetto e l’abside, mentre all’esterno venivano costruiti pilastri e contrafforti per sopportare il peso della basilica superiore. Anche la copertura originaria a capriate venne rifatta con volte a crociera costolonate. La divisione della chiesa presenta: sotto chiesa tombale con la cripta, sopra aula monastica, spazio per le prediche e cappella papale.

Nella chiesa inferiore nacque la grande pittura italiana, la navata conserva opere del Maestro di San Francesco; la Cappella di San Martino presenta il ciclo completo delle Storie di San Martino (1312 – 1315) dipinto da Simone Martini; la Cappella della Maddalena fu affrescata invece da Giotto dopo il 1305; il transetto destro conserva un affresco di Cimabue (1280) e otto Storie dell’infanzia di Cristo dipinta da Giotto. Nel transetto sinistro Pietro Lorenzetti dipinse, nei primi anni del XIV secolo Storie della Passione di Cristo e la celebre Madonna dei Tramonti. La crociera sopre l’altare, dipinta dal Maestro delle Vele, rappresenta la Gloria di San Francesco e le Allegorie dell’Obbedienza, Castità e Povertà.

La chiesa superiore, ad una navata, ha una semplice facciata a capanna, impreziosita da un portale gotico e da uno splendido rosone. L’interno gotico, ad una sola navata, illuminato da grandi vetrate è il prototipo delle chiese francescane. E’ impreziosita dagli affreschi di Giotto che illustrano la vita del Santo. Vi sono pure opere di Cimabue, Cavallini, Torriti e un coro ligneo di fine ‘400, custodisce affreschi ancora più noti: il Presbiterio fu affrescato da Cimabue, dal Maestro Oltremontano e da Jacopo Torriti. La navata fu decorata nella parte superiore con Storie del Vecchio e del Nuovo Testamento.

Santo del Santuario: San Francesco d’Assisi

Da vedere: Sacro Convento, Chiesa Superiore e Chiesa Inferiore, Tomba di San Francesco.

Servizi: Percorso di visita che si snoda a partire dalla Piazza Inferiore, passando salendo dal Parcheggio San Giovanni Paolo II, lungo la Chiesa inferiore, la Tomba di San Francesco, il Chiostro di Sisto IV e la Chiesa superiore, per uscire sulla Piazza Superiore e ammirare una nuova vista della città. Strumenti per la visita. All’ingresso della Basilica possono ritirare informazioni attraverso il pieghevole. Utile per conoscere i luoghi più significativi e svolgere con frutto il tuo percorso di visita. Ai pellegrini con disabilità è permesso giungere alla Piazza inferiore, con accesso alla Chiesa inferiore, e alla Piazza superiore, con accesso alla Chiesa superiore, a bordo del proprio veicolo recante l’apposito contrassegno. Per i pellegrini che giungono a piedi i pellegrini che giungono a piedi dopo alcune giornate di cammino, seguendo i diversi percorsi, potranno registrare il loro arrivo e ricevere le credenziali. Qui troveranno anche le indicazioni per l’accoglienza in Assisi e saranno invitati a partecipare ai vari momenti liturgici della Basilica, in particolare alla “Messa del pellegrino” che durante il periodo estivo viene celebrata ogni giorno feriale alle ore 18.00 nella Chiesa inferiore.

Esperienze spirituali: Visitare la basilica di sopra e di sotto è un’autentica esperienza spirituale.

Festività significative: 4 ottobre San Francesco d’Assisi.

Curiosità: Francesco chiamò la morte “sorella”, perché gli avrebbe permesso di incontrare e abbracciare il suo Signore. La morte non gli faceva più paura perché ormai gli stava alle spalle e non più davanti. Francesco non si è affidato al Dio dei morti ma al Dio della Vita.Francesco è ancora vivo in tante persone: è vivo in noi, suoi frati, che ci sforziamo, se pur da lontano, di seguire le sue orme; è vivo in tante persone che vivono la sua spiritualità e i suoi valori; è vivo perché parla al cuore di tanti giovani.

Orari Messa e ufficio: Orario estivo – feriale 6.30 Ufficio di Letture e Lodi (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 7.15 S. Messa conventuale (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 9.00 S. Messa (Chiesa inferiore – Cappella S. Caterina) 11.00 S. Messa (Chiesa inferiore – Cappella S. Caterina) 18.00 S. Messa del pellegrino (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 19.00 Preghiera della sera (Chiesa inferiore – Altare maggiore – non il mercoledì) festivi: 7.30 S. Messa (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 9.00 S. Messa (Chiesa superiore) 9.00 S. Messa in lingua inglese (Chiesa inferiore – Altare maggiore) dalla 2° domenica di Pasqua in poi. 10.30 S. Messa (Chiesa superiore) 12.00 S. Messa (Chiesa superiore) 17.00 S. Messa (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 18.00 Vespri solenni (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 18.30 S. Messa (Chiesa inferiore – Altare maggiore) Orario invernale – feriale: 6.30 Ufficio di Letture e Lodi (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 7.15 S. Messa conventuale (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 11.00 S. Messa (Chiesa inferiore – Cappella S. Caterina) 17.00 S. Messa del pellegrino (Chiesa inferiore – Cappella S. Caterina) 19.00 Preghiera della sera (Chiesa inferiore – Altare maggiore – non il mercoledì) festivo: 7.30 S. Messa (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 9.00 S. Messa (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 10.30 S. Messa (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 12.00 S. Messa (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 17.00 S. Messa (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 18.00 Vespri solenni (Chiesa inferiore – Altare maggiore) 18.30 S. Messa (Chiesa inferiore – Altare maggiore)

COSA ASPETTI?

PRENOTA UN SOGGIORNO NEL NOSTRO HOTEL!

Risultati immagini per richiesta disponibilità pulsanti